Diventare discepoli: Mosè

Diventare discepoli: Mosè

25,00

Si è messo il cuore in pace, Mosè. Forse. È irrisolto, Mosè. Sa cosa non è. Sa chi non è. Non è un madianita, come sua moglie e il suo accogliente suocero. Non è un egiziano, ora che Faraone ha emesso una sentenza di morte nei suoi confronti. Non è un ebreo, visto che i suoi fratelli lo hanno allontanato. Ed è allora che Dio lo chiama.

Categorie: ,

Descrizione

Supera il deserto per portare al pascolo il gregge di suo suocero. Il terreno è arido e bisogna percorrere molta strada per trovare di che brucare, certo. Ma voglio leggere in questo dettaglio anche un moto dell’anima. In qualche modo, per Mosè, diventare pastore, occuparsi di animali miti come le pecore, tornare alla terra, alla concretezza, all’odore aspro delle bestie dissipa la nebbia del suo cuore. Dedicare del tempo al lavoro manuale e sudare e stancarsi fisicamente è l’unica strada per riscoprire i nostri confini e liberare la mente dai troppo pensieri, vero. I rabbini osano ancora di più e immaginano un Mosè pastore che cerca un agnello sfuggito al gregge per dissetarsi. Una volta trovatolo se lo carica sulle spalle. Dio, vedendo la sua compassione, capisce che Mosè è la persona giusta per liberare il popolo. Un uomo che ha compassione. È in quel momento che accade

È un corso di Diventare discepoli.

I prodotti che hai aggiunto nel tuo carrello
Skip to content